Home Page
News
Tournèe
Forum Annunci
Photo Gallery
Links
Foto Circhi Italiani
Foto Circhi Esteri
Foto Modellini
Collezione Biglietti Esteri
Collezione Biglietti italiani
Collezione Programmi
Archivio News '99-2004
Foto Artistiche e Speciali Circusfans
Riviste
Contattaci

 

News

COME INVIARE UNA NEWS A CIRCUSFANS

IL CIRCO UN MONDO A PORTE APERTE:
Le foto dell'incontro

Si è tenuta ieri presso la sede dell’AGIS di Roma l’incontro voluto e organizzato da Divier Togni e il suo staff dal titolo “Il Circo, un mondo a porte aperte”. Ed è stato un successo.

 


Divier Togni

Non solo per l’afflusso di presenze, superiore alle aspettative, ma per il clima che si è respirato: positivo, costruttivo, carico di entusiasmo. In un clima di disteso si sono susseguiti gli interventi tutti propositivi o comunque costruttivi, dimostrando voglia di fare, di ricominciare, di mettere in piedi un movimento volto a rafforzare e rinvigorire l’immagine del circo. Un’impresa sicuramente impegnativa, a nessuno sfugge questo aspetto, ma che se affrontata con le3 C di Divier, “Coesione, Compattezza e Convinzione”, si può raggiungere.

Tanti, davvero tanti i direttori intervenuti, tra circhi piccoli, medi e grandi. Ma numerose e di peso anche le presenze esterne, forse mai prima d’ora invitate a partecipare ad un dibattito pubblico sul circo. In fondo il titolo parlava chiaro “a porte aperte” e non è un caso che oltre ai rappresentanti della categoria ci fossero direttori di scuole di circo, giornalisti, registi, imprenditori, …

In prima fila Ambra, Liana e Nando Orfei, Paolo Pristipino e buona parte del Consiglio Direttivo dell’Ente Circhi. In sala gli storici Alessandro Serena e Raffaele De Ritis, il manager David Zard, lo staff della casa di produzione Finzioni con Antonello Tonelli, Paola Portone e Marco Zita (rispettivamente registi e produttori di Circo Massimo, la serie di Rai Tre e delle principali emissioni televisive sul circo), il giornalista Francesco Puglisi, Alberto Orfei, Paolo Stratta (direttore della Scuola di Cirko Vertigo di Grugliasco) e Claudio Madia (direttore della Piccola Scuola di Circo di Milano), Flavio Michi del Cadec, la programmista Rai Silvia Baldacci, rappresentanti di FederFauna e del Sindacato Nazionale degli Spettacoli Viaggianti e sicuramente tanti nome che ora ci sfuggono.

 


 

L’incontro è stato presieduto da Divier e moderato da Antonio Buccioni, vice presidente dell’ENC L’importanza dell’incontro è stata sottolineata dalla prima apparizione pubblica del neo direttore dell’AGIS Paolo Protti che ha dato il suo saluto e ha speso belle parole per il circo e per l’iniziativa di Divier Togni.

 


Ambra Orfei

 

In molti interventi, ci sono state parole di saggia autocritica per comportamenti scorretti del passato e la volontà di affrontare il futuro con maggior responsabilità e lungimiranza. Si è parlato dell’importanza dell’apertura all’esterno, al mondo degli artisti di strada e di circo contemporaneo e delle Scuole che stanno nascendo nel nostro paese. Soggetti che hanno dimostrato di voler valorizzare la cultura e la tradizione del circo e che hanno capito l’importanza della comunicazione con l’esterno.

 

Paolo Protti, neo presidente Agis

 

Si è inevitabilmente parlato della tematica animalista, della necessità di contrastare con fermezza e competenza le azioni e le argomentazioni di associazioni che sempre più spesso dimostrano di essere mosse da altri interessi e di usare il circo come bersaglio per ottenere visibilità per sé stessi, ignorando in realtà, in numerosi casi, il benessere degli animali come obiettivo.

 

 

Ancora una volta il “maestro” Roberto Guideri ha portato una delle sue opere, un documentario sugli animali e sul rapporto del circo con le associazioni animaliste in cui sono passate molte belle immagini di spettacoli e di addestramento e interviste ai protagonisti di quest’arte, contrapposte alla sguaiate manifestazioni davanti ai circhi.

Un documento realizzato con Livio Togni e che è un ottimo punto di partenza per realizzare un documentario, sicuramente più sintetico e rivisto in alcune parti, da usare a scopo promozionale, tra proiettare (come è stato proposto da più parti) nei circhi e da diffondere nelle scuole o in altri contesti per bilanciare le infamie lanciate contro il circo dalle associazioni animaliste.

 

Divier Togni ha illustrato il suo progetto “Il Circo Made in Italy” che si propone di catalizzare l’attenzione dei media italiani per un grande evento organizzato a Milano nel giugno 2011 (con date ancora da definire). Mostre, convegni e spettacoli in tutti i punti più celebri del centro di Milano, dalla Piazza Duomo alla gallerie, alle piazze e vie dello shopping. E ancora parate, vetrine dedicate al circo, proiezioni di pellicole sul circo, etc. L’evento, che gode già di pareri favorevoli da parte di esponenti della cultura e dell’amministrazione del capoluogo lombardo, è un obiettivo da raggiungere, come ha spiegato chiaramente Divier, con l’appoggio dell’intera categoria e di tutti gli operatori del settore.

 

Per vedere il servizio completo
CLICCA QUI
FOTO DI ANDREA TAMBURRINI

 

Insomma, davvero una giornata in cui si è parlato del circo e del suo futuro con concretezza e serenità, tralasciando la polemica, gli attriti personali e rancori passati. In tutti è emersa la consapevolezza che c’è molto da fare e presto. Bisogna invertire la rotta se si vuole evitare che la nave affondi. E per questo serve il contributo di tutti: di tutti i membri della categoria, ma anche di tutti coloro che si occupano di circo a livello professionale.

 

Circusfans ha celebrato pochi mesi fa i propri 10 anni di esistenza e di quotidiana attività. Un servizio di informazione, soprattutto, ma anche di supporto alla divulgazione e comunicazione di tutto quanto di buono si fa e si è fatto in Italia a livello culturale e promozionale. Ancora una volta Circusfans vuole esserci e ci sarà. Ringraziamo pertanto dell’invito che ci è stato rivolto da Divier e che abbiamo con molto entusiasmo accettato. Riteniamo che il progetto di Divier possa essere un’ottima opportunità per il circo nella sua interezza, per le sue ricadute mediatiche e la sua valenza promozionale e culturale. Noi ci siamo. E siamo fermamente convinti che il circo deve ripartire. E perché non proprio da qui?

 

D.D.

17/06/2010 16.27.03


Antonio Buccioni


Livio Togni


Alberto Orfei

 

Invia una News alla Redazione di Circusfans Italia

Oggetto:
Nome e Cognome:
E-mail: (obbligatoria)
Messaggio:
Per inviare metti la somma di 8+4 =

 
Visitor Map
Create your own visitor map!