Home Page
News
Tournče
Forum Annunci
Photo Gallery
Links
Foto Circhi Italiani
Foto Circhi Esteri
Foto Modellini
Collezione Biglietti Esteri
Collezione Biglietti italiani
Collezione Programmi
Archivio News '99-2004
Foto Artistiche e Speciali Circusfans
Riviste
Contattaci

 

News

COME INVIARE UNA NEWS A CIRCUSFANS

Artur Robin, un personaggio davvero… forte!

90 ANNI DEL LEGGENDARIO ERCOLE NERO

Eh sì! Forte, ma cosa dico forte, fortissimo! E non solo per la forza fisica con cui per cinquant’anni ha piegato stanghe di ferro, spezzato catene e trascinato decine di persone in un titanico tiro alla fune. La forza di Arthur Robin consiste nell’intensità del suo personaggio: un’icona del nostro circo. La sua forza è manifestata dalla sua capacità di non invecchiare mai e di aver mantenuto inalterato nel tempo il fascino esotico della propria figura. Arthur da sempre ha catturato il pubblico, non solo con la sua forza, ma con e il suo essere “artista” vero, espressivo e convincente ad ogni spettacolo.

Non dimentichiamo che oltre ad essere un valente artista, Artur fu insignito a Londra nel 1957 del titolo di Mr. Universo e vedendo alcune sue foto non sarà difficile capire le ragioni di questo premio.

Oggi ha 90 anni e riteniamo doveroso ripercorrere la sua gloriosa carriera per ricostruire la figura di una vera e propria leggenda della pista, nota come l’Ercole Nero.

 
1957. Arthur Mr. Universo


Nato il 5 febbraio 1927 nella Guadalupa francese, Arthur Robin a 15 anni inizia a “praticare” il culturismo. A 25 anni le prime competizioni di culturismo in Inghilterra culminate dal titolo di Mister Universo nel 1957.

Nel 1958 farà parte della troupe degli Harlem Globertrotters (mitica squadra di basket USA). Nasce così  “l’Ercole nero”, con le prove di forza, e la possibilità di presentarsi di fronte ad un “pubblico mondiale”.


Arthur con Buby Ernestos e Giuliano Gemma

L’avventura italiana del nostro Arthur inizia alla fine degli anni ’60 nella compagnia di un altro grandissimo personaggio che in comune con Robin aveva la personalità forte e il magnetismo: Orlando Orfei. Con Orlando rimase per un breve periodo e in occasione della permanenza nella Capitale si unì in matrimonio con Lilly, una bella austriaca conosciuta a ottobre del 1967 quando il Circo Althoff in cui lavorava attraversò le montagne dell’Austria e che da allora sarà sua compagna nella vita e sulla scena. Al termine del contratto con Orlando Orfei i coniugi Robin tornano in Austria, ma devono ben presto far dietro front perché l’Italia li rivuole, richiesti questa volta da Riccardo Canestrelli (marito di Lidia Togni) che allora viaggiava (siamo a cavallo tra gli anni ’60 e ’70) con il mastodontico Circo Royal Americano a 3 piste: 3 numeri contemporaneamente, grandi parate ed una compagnia ricchissima. Rarissime foto a colori di questo circo (e del numero di Arthur sono pubblicate sul volume “Il Circo” edito da Torselli nel 1970.


Lily e Artur


Locandina del Circo Alex (Montano) con Artur Robin

Seguono stagioni al Circo Alex (famiglia Montano, 1974-1974), Circo Jumbo di Darix Togni (1977/78), con Piero Medini e diversi anni con Nando Orfei. Dopo diversi anni in Italia Arthur Robin si trasferisce in Spagna ove lavora presso il Circo Rudy Bros. dei Vassallo e il “Circo Ruso sobre el hielo”, lo spettacolo di Circo sul Ghiaccio che Moira Orfei aveva portato al successo in Italia e che venne introdotto in Spagna da Angel Cristo. La parentesi spagnola continua al Circo Wonderland dei F.lli Macaggi e presso il Circo Mundial. Il contratto al Mundial cadeva nel periodo in cui in televisione andavano per la maggiore i telefilm americani della serie “A Team” il cui protagonista era Mr. T, un muscoloso uomo di colore dal cranio rasato ed una cresta di capelli neri.

Fu in quell’occasione che Josè Maria Gonzalez Villa propose ad Artur di ispirare il proprio personaggio a Mr. T ed il successo fu immediato: tutta la pubblicità puntava su Artur, e il suo ingresso in pista a bordo di un grande fuoristrada era preceduto da un balletto di belle ragazze e bandiere stelle e strisce, coloratura che ornava anche il grande mantello che lo vestiva. Rimase da Mundial fino al 1986 per far poi ritorno in Italia da Nando Orfei e presso Holer Togni che volle mantenere lo stile all’americana dell’esibizione che ben si confaceva alle sue macchine acrobatiche. In questo periodo il figlio di Artur, Enrico è richiamato in Italia a svolgere il servizio militare e questo spiega la scelta dei genitori di stare vicino al figlio. Dal 1989 sono gli Zamperla ad accaparrarsi per i tre anni della loro permanenza in Grecia il più bel numero di uomo forte degli ultimi anni. Al rientro della Grecia Artur e Lilly trovano la loro collocazione più appropriata nello spettacolo romano concepito da Giancarlo e Febo Triberti, al punto che dieci anni dopo Artur lavora ancora con la loro famiglia.

Vestito da antico romano Artur entrava in scena a bordo di una fastosa biga dorata e mostrando un fisico scolpito e ben tornito iniziava la propria esibizione di forza. Al Circo Storico Tribertis, inoltre, debutta come giocoliere il figlio Enrico, che dal padre ha ereditato il fisico massiccio e muscoloso, che tiene in costante allenamento.

Dopo la chiusura del circo, i Triberti hanno trasferito il loro “circo romano” in un parco di divertimenti nel bergamasco e successivamente al Safari Park di Pombia (NO) dove Artur e Lilly hanno fatto  parte di questo spettacolo per diversi anni fino al 2003 circa.

Artur Robin è una leggenda del Circo. Un personaggio che non ha eguali nel nostro mondo e a cui, non a caso, recentemente è stato dedicato un film attualmente proiettato sugli schermi di tutto il mondo e rappresentato nei festival cinematografici più importanti. A seguito di quel film sono tante le interviste che nei mesi scorsi hanno permesso di far conoscere la carriera e la figura del carismatico Arthur.

Ercole nero, leggenda, gladiatore del XX secolo…sono tanti gli appellativi che gli sono stati dati, ma ciò che colpisce di più di un artista di questo livello è l’umiltà, la semplicità e la carica umana che Artur Robin ha sempre trasmesso, al di là del proprio personaggio. Siamo fieri di aver “adottato” questo artista e che l’Italia sia diventata la sua casa!

Dario Duranti

 Arthur Robin intervistato da Repubblica

Arthur Robin gladiatore del XX secolo

01/05/2017 23.05.43

 

Invia una News alla Redazione di Circusfans Italia

Oggetto:
Nome e Cognome:
E-mail: (obbligatoria)
Messaggio:
Per inviare metti la somma di 7+7 =

 
Visitor Map
Create your own visitor map!